Masseria Sciaritelle

Vai ai contenuti

Menu principale:

La storia

La storia

L'agro della Masseria ricade in territorio di Petralia Sottana. I comuni montani di Petralia, Castellana Sicula e Polizzi Generosa  detengono quasi tutto il territorio dell'entroterra sino ai comuni  di Resuttano, Villalba, Vallenuga, Valledolmo, Caltavuturo. Il caseggiato della Masseria è piuttosto ventilato, perciò, l'arsura  delle afose giornate estive della campìa sicilana è sempre  smorzata dalla piacevole carezza di un soffio tenue e invisibile,  che in giornate particolarmente mosse può diventare  impertinente. Il vento alla Masseria è di casa. Se ne avverte  inconsciamente la presenza anche se non si sente. Raramente è  molesto. Vi può capitare di sentirlo dentro la vostra camera, al  ristorante o in salotto. Lui c'era da prima della Masseria e la sua  voce è quella del tempo che scivola e corre davanti a noi e  racconta la nostra storia, i nostri giorni e quelli di tanti  avvenimenti,   genti, uomini,  fatti e storie   passati e  dimenticati: un regolamento di conti   della vecchia mafia feudale nella  collina di fronte, al passo dei Tredici Scifi, (dopo un lauto banchetto di ripacificazione organizzato da un capo neutrale, una banda tese  un'imboscata alla rivale e ne seguì   una strage), un giovane morto di  polmonite perché dopo una settimana di pioggia non si poteva  guadare il torrente per portarlo dal medico, uno stalliere colpito da una fucilata del suo padrone che non sopportava il suo portamento elegante e la sua abilità di cavalcare e tante altre storie affidate ai racconti degli  anziani, confuse, e disperse nel   silenzio del tempo. Sciaritelle sono piccole sciare. In   siciliano, sciara, parola di derivazione  araba, vuol dire groviglio di rovi,   siepe di spini e di rovi, da cui deriva  anche la parola sciarra che vuol dire   zuffa, lite, contesa.   Dall'età feudale fino all'età moderna la masseria è stata il centro direzionale delle attività di coltivazione e di  allevamento del bestiame. Masseria (o massaria latino medievale) deriva da massa nel significato di insieme di  fondi agricoli. Il massaro è il fattore che dirige l'azienda e risponde al proprietario. I rapporti antichi di lavoro in  agricoltura, come è noto, erano la gabella e la mezzadria favorevoli per il proprietario, sfavorevoli per i contadini, i  pastori e i mandriani che non di rado non riuscivano a ricavare il necessario per vivere e dovevano ricorrere al  famoso 'soccorso' del proprietario che era un'anticipazione sul raccolto futuro.

Torna ai contenuti | Torna al menu